Questo sito utilizza i cookies. Navigando sul nostro sito dichiari di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso. Scopri di più leggendo la Cookie Policy. Close message

I dipendenti di Essilor e Luxottica uniscono le forze per fornire assistenza visiva di qualità alle comunità in difficoltà di tutto il mondo

Avviata con la prima clinica oculistica in Cambogia, la partnership su scala internazionale tra OneSight e Essilor Vision Foundation (EVF) consentirà ai volontari di Essilor e Luxottica di aiutare entrambe le aziende ad ampliare il loro impatto globale attraverso i propri dipendenti

Nel maggio 2019, OneSight, organizzazione no-profit indipendente fondata e sostenuta da Luxottica, ha esteso la propria partnership con Essilor Vision Foundation (EVF) con l’obiettivo di combattere i difetti visivi in tutto il mondo e aiutare le persone a vedere la bellezza della vita. La novità di questa collaborazione su scala globale sta nel fatto che 50 dipendenti di Essilor uniranno le forze con i colleghi di Luxottica come volontari in 16 cliniche oculistiche in Cambogia, India, Indonesia, Cile, Perù, Stati Uniti, Colombia, Mongolia, Tailandia, Nepal e Tanzania.

Parallelamente, la EVF offrirà ai dipendenti Luxottica oltre 300 posti per partecipare a più di 80 iniziative di volontariato in programma, in tutto il mondo, da qui alla fine dell'anno; in questo modo, le persone potranno conoscere da vicino il programma filantropico di Essilor e le attività di business inclusivo di 2.5 NVG.

Questa partnership dimostra come Essilor e Luxottica si impegnino da sempre per applicare un modello di sviluppo sostenibile, ponendo l'etica e la responsabilità al centro delle loro attività.

Migliorare l’assistenza visiva, a livello globale

OneSight si dedica da sempre a fornire accesso alle cure oculistiche a chi non ha modo di ottenerlo. Dalla sua costituzione, nel 1988, OneSight ha fornito esami oculistici e occhiali a oltre 10 milioni di persone attraverso le sue cliniche oculistiche nelle regioni in difficoltà. Al di là delle sue attività di beneficenza, OneSight si impegna per fornire soluzioni a lungo termine per l'accesso alle cure oculistiche, in tutto il mondo. Questo si traduce in cliniche autosufficienti dove a lavorare sono personale e medici locali; attualmente sono circa 120 i centri operativi, con nuove aperture che si aggiungono ogni anno.

"Questa partnership è una meravigliosa opportunità per creare e accelerare le connessioni e le interazioni tra i dipendenti di entrambe le aziende. Insieme, i volontari di Essilor e Luxottica stanno contribuendo a fornire accesso alle cure oculistiche alle comunità che vivono in aree remote e prive di infrastrutture sostenibili", ha commentato Jayanth Bhuvaraghan, Head of Mission di EssilorLuxottica.

Fornire cure oculistiche ai cambogiani delle aree rurali

Il mese scorso, come parte della prima clinica OneSight, un team di 26 volontari sia di Luxottica che di Essilor ha lavorato per una settimana a stretto contatto con il gruppo locale Khmer Sight Foundation nella zona rurale di Ampov Prey, a sud di Phnom Penh, capitale della Cambogia. Aiutare 1.000 pazienti con problemi visivi in cliniche distribuite in nove villaggi, è stata un'occasione unica per promuovere assistenza visiva di qualità e per rafforzare il rapporto fra dipendenti Essilor e Luxottica.

Secondo la Khmer Sight Foundation, oltre 180.000 cambogiani sono ciechi. Il dieci per cento della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà e la maggior parte delle persone indigenti abita in aree rurali dove l’accesso alle strutture per l'assistenza oculistica e l'istruzione è limitato, quando impossibile. I pazienti della comunità di Ampov Prey sono per lo più agricoltori o operai nelle fabbriche di abbigliamento, con uno stipendio medio di 178 dollari USA al mese.

Con l'aiuto dei traduttori, i volontari di Essilor e di Luxottica hanno fornito il loro supporto per eseguire screening visivi nelle comunità locali e fornire loro attrezzature adeguate.

A questa prima clinica in Cambogia, ne sono seguite altre due, nel mese di giugno, con i volontari impegnati a fornire assistenza oculistica alle comunità di Lota (Cile) e Fishkill (Stati Uniti).